La Guinea Bissau è uno stato dell’Africa Occidentale che si affaccia sull’Oceano Atlantico.

Ex colonia portoghese è un paese meraviglioso con una natura selvaggia e incontaminata, la costa è una lunga striscia di sabbia e foreste di mangrovie; le acque dell’oceano, grazie alle maree, si addentrano nell’entroterra, creando lagune e canali.

Le Isole Bijagos, che si trovano di fronte alle coste della Guinea Bissau, sono un paradiso naturalistico e una meta imperdibile in un viaggio in questo paese africano.

L’arcipelago delle Bijagos è costituito da 88 isole, alcune delle quali sono disabitate e la natura è la vera protagonista; queste isole ospitano un gran numero di specie di uccelli, qui si trovano anche spiagge deserte dove nidificano le tartarughe marine e dove è possibile avvistare gli ippopotami che sguazzano nelle acque dell’Oceano Atlantico.

Alcune isole ospitano antichi villaggi tradizionali, qui le persone vivono ancora seguendo le loro tradizioni ancestrali.

La Guinea Bissau è una meta che si può visitare in diverse stagioni e ognuna di esse consente di vivere esperienze uniche.

Calendario degli eventi in Guinea Bissau

Eventi in Guinea Bissau nei mesi di Novembre e Dicembre

Gli ippopotami di acqua salata della Guinea Bissau nell’arcipelago delle Isole Bijagos

L’isola di Orango si trova nell’arcipelago delle Bijagos in Guinea Bissau ed è un parco nazionale; fra le numerose specie protette che si trovano in questa area, ci sono anche gli ippopotami che sono conosciuti come gli ippopotami di acqua salata.

Questi ippopotami in realtà non appartengono a una specie differente rispetto agli ippopotami che si trovano in altre zone del continente africano, hanno adottato solamente un comportamento differente e unico per la loro specie: vivono nelle acque salate delle foreste di mangrovie e, a volte, è possibile avvistarli nelle acque nell’oceano.

La nidificazione delle tartarughe in Guinea Bissau nell’arcipelago delle Isole Bijagos

Nell’arcipelago delle Bijagos in Guinea Bissau si trova l’isola disabitata di Poilao, oltre ad essere un’isola molto bella è anche uno dei principali luoghi di nidificazione delle tartarughe marine verdi, Chelonia Midas.

Soprattutto durante la notte, sfruttando l’alta marea, le tartarughe escono dalle acque dell’oceano e raggiungono le spiagge; qui, una volta trovato un luogo che reputano sicuro, iniziano a scavare una buca profonda per deporvi fino ad un centinaio di uova.

Una volta che la tartaruga ha terminato di deporre le uova inizia a ricoprirle con la sabbia per nasconderle dai predatori e per tenerle alla giusta temperatura fino al momento della schiusa.

Quando ha terminato di spalare la sabbia la tartaruga si dirige verso l’oceano, affaticata dallo sforzo che ha appena compiuto, ma, quando raggiunge le onde che si infrangono sul bagnasciuga, si immerge in acqua e nuota verso l’oceano aperto velocemente; non farà più ritorno su quella spiaggia fino alla prossima volta in cui deporrà le uova.

Eventi in Guinea Bissau nei mesi da Febbraio ad Aprile

I mesi da febbraio ad aprile sono il periodo in cui vengono celebrati la maggior parte dei rituali e si può assistere alla danza delle maschere; è il momento migliore per incontrare e conoscere i re tradizionali che sono a capo di antiche tribù, per scoprire le religioni tribali e assistere alla pratica diffusa di adorare le statue degli antenati.

La cerimonia della Vaca Bruto in Guinea Bissau

La Vaca Bruto è una delle maschere più conosciute della Guinea Bissau, rappresenta l’incarnazione di un potente spirito della natura; la maschera viene realizzata in legno su cui vengono montate delle autentiche corna di Zebù.

I danzatori che indossano la maschera della Vaca Bruto appartengono a una precisa classe di età o grado di iniziazione.

Alla celebrazione della danza della Vaca Bruto partecipano tutti gli abitanti del villaggio: gli anziani, i giovani guerrieri, i grandi iniziati, che hanno indossato in precedenza la maschera, i sacerdoti e gli stregoni; tutto il villaggio assiste ed è coinvolto in questa affascinante cerimonia.

Eventi in Guinea Bissau nel mese di Marzo

La celebrazione del Carnevale in Guinea Bissau

Il Carnevale è la festività più importante e più sentita della Guinea Bissau ed è un grande mix di tradizioni afro-portoghesi che, nel corso dei secoli, si sono fuse in un’unica grande celebrazione.

A Bissau, la capitale della Guinea Bissau, le maschere, che provengono da ogni regione del paese e da ogni quartiere, o barrio, della città, sfilano lungo l’Avenida Amilcar Cabral.

Il suono dei tamburi riecheggia e le maschere tradizionali, i guerrieri armati di frecce e vestiti con una pelle di coccodrillo, le maschere contemporanee realizzate in cartapesta e le ragazze vestite solamente di perline danzano incessantemente e instancabilmente.

La sfilata del carnevale è un indimenticabile festa popolare dove l’influenza portoghese si fonde con la gioia di vivere e la felicità africana.

La Guinea Bissau è caratterizzata da un clima tropicale e le temperature sono elevate tutto l’anno; sono presenti due stagioni: una stagione secca nei mesi da novembre a maggio e una stagione delle piogge nei mesi da giugno ad ottobre, quest’ultima è dovuta al monsone africano che porta un’aria carica di umidità.

Il periodo migliore per visitare la Guinea Bissau è l’inverno boreale, in particolare nei mesi da dicembre a febbraio, in questo periodo infatti si registrano le temperature più miti e il clima è meno umido.

Per quanto riguarda le vaccinazioni, la febbre gialla è obbligatoria per entrare nel paese, la profilassi antimalarica, anche se non è obbligatoria, è assolutamente consigliata.

Per entrare in Guinea Bissau è necessario ottenere il visto, che può essere richiesto prima di partire presso l’ambasciata della Guinea Bissau oppure direttamente quando si atterra all’aeroporto di Bissau.

La valuta nazionale è il Franco CFA, mentre la lingua più diffusa è il kriol, una lingua di origine creolo portoghese che viene parlata dal 50% della popolazione della Guinea Bissau.

Viaggia con noi in Guinea Bissau - Scopri i nostri viaggi